SCHEDA TECNICA:

Partenza: Rifugio Gardeccia 1950 metri

Tipologia: escursione ad anello

Dislivello: 1100 metri considerando i vari saliscendi

Quota massima: Passo Antermoia 2770 metri

Tempi: 7 ore per l’anello

Segnaletica: buona

Difficoltà: difficile

Punti d’appoggio: Rifugi Gardeccia, Vajolet, Preuss, Passo Principe e Antermoia.

Gruppo: Catinaccio o Rosengarten

Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 06, Val di Fassa e Dolomiti Fassa

Periodo consigliato: estate

 

INTRODUZIONE:

Una delle più appaganti e soddisfacenti escursioni che si possono fare in tutta la val di Fassa è senz’altro riuscir a raggiungere il rifugio Antermoia e il suo bellissimo lago cristallino.

In quest’escursione ci si inoltra all’interno del gruppo del Catinaccio percorrendo vallate prive di vegetazione circondati da immense pareti verticali che sembra di essere sulla luna.

Il panorama che si può ammirare in quest’escursione è sicuramente da togliere il fiato: oltre ad essere circondati dalle imponenti pareti delle più importanti vette del gruppo del Catinaccio, come le torri del Vajolet e il Catinaccio d’Antermoia, sono visibili molti importanti gruppi dolomitici come quello della Marmolada, il Sassolungo e il Sella.

Nonostante sia una zona abbastanza turistica e battuta dagli escursionisti, vicino al passo delle Scalette, zona più aspra e selvaggia verso la fine di quest’escursione, è abbastanza facile imbattersi in alcuni branchi di camosci che pascola in qualche verde radura.

Il lago d’Antermoia, meta conclusiva e più suggestiva di questo percorso è un lago di origine glaciale. Durante l’epoca delle glaciazioni il vallone d’Antermoia era modellato da un ghiacciaio la cui lingua terminava in prossimità di dove è adesso il lago. Il bacino, come molti altri laghi dolomitici, durante il periodo estivo tende a prosciugarsi.

 

L’ESCURSIONE IN DETTAGLIO:

L’escursione non è per nulla da sottovalutare, nonostante il dislivello totale sia di 1100 metri, un dislivello non proibitivo, il percorso è abbastanza lungo e faticoso, soprattutto la parte finale, che dopo una discesa bisogna risalire di diversi metri per poi ridiscendere per una discesa molto ripida ed esposta.

Si parte dal rifugio Gardeccia a 1949 metri s.l.m., raggiungibile dal servizio navetta che si trova al parcheggio della seggiovia del paese di Pera in val di Fassa. Dal rifugio Gardeccia si inizia a salire per il sentiero CAI 546 con indicazioni per il rifugio Vajolet. Fin da subito durante la salita è possibile vedere in lontananza il rifugio Preuss situato di fronte al rifugio Vajolet, nostra prossima meta. In questo primo tratto siamo circondati da abeti e pini mughi che man mano che si sale tendono a diramarsi fino a scomparire del tutto dando spazio ad un paesaggio lunare.

Arrivati al rifugio Vajolet ad una quota di 2245 metri s.l.m., crocevia di diversi sentieri che si inoltrano all’interno del gruppo del Catinaccio, si deve prendere il sentiero CAI 584 che ha come direzione il rifugio Passo Principe.

Il sentiero per il rifugio Passo Principe è un bel sentiero di montagna che sale sempre in maniera costante senza mai essere troppo ripido.

Arrivati nello splendido rifugio Passo Principe incastonato nella roccia si prosegue sempre per il sentiero CAI 584 che porta prima al Passo Antermoia e poi all’omonimo rifugio.

Dal rifugio Passo Principe si costeggiano le immense pareti del Catinaccio d’Antermoia fino a guadagnare una quota di 2770 metri s.l.m. del passo Antermoia, quota massima per quest’escursione. Da qui manca ancora abbastanza per arrivare al rifugio, infatti prima di arrivare bisogna percorrere una lunga discesa verso il vallone d’Antermoia per poi attraversarlo: un desertico e immenso canyon dove una volta era situato il ghiacciaio. Superato, finalmente si raggiunte lo spettacolare lago d’Antermoia e l’omonimo rifugio situato a pochi passi ad un’altezza di 2497 metri.

Per tornare alla Gardeccia chiudendo l’anello si deve prendere il sentiero CAI 583 con le indicazioni che si trovano dietro al rifugio.

Il sentiero 583 risale di nuovo ad un’altezza di 2709 metri s.l.m. al passo di Laussa, luogo di particolare bellezza per il panorama che offre verso la Marmolada, il Sella e il Sassolungo. Salendo su questo passo molto bello è osservare il lago Antermoia dall’alto.

Da questo passo bisogna ridiscendere di quota leggermente per la val di Laussa o valle dei camosci, (è molto facile incontrarli) per poi risalire al passo delle Scalette ad una quota di 2403 metri s.l.m. e infine ridiscendere al rifugio Gardeccia

Attenzione, quest’ultima parte di sentiero è segnato come EEA, cioè per escursionisti esperti con attrezzatura. Questo parte è attrezzata soltanto in un piccolo punto che bisogna avere piede fermo e un minimo di esperienza in quanto ci sono tratti molto esposti. Infine per raggiungere il rifugio Gardeccia dal passo delle Scalette bisogna percorrere un sentiero che si sviluppa in un ghiaione molto ripido e franoso in cui è consigliabile l’uso di un caschetto per protezione. È facile che scendendo, chi sta sopra di noi smuova dei sassi facendoli cadere a velocità molto elevate.

 

VARIANTI:

Per evitare l’ultimo tratto di sentiero molto esposto si può scendere a Pera per il sentiero CAI 589 che passa per la val Udai o prendere il sentiero CAI 577 che scende a Campitello per la val di Dona.
Molto interessante, se si è allenati e si ha l’attrezzatura, è salire alla cima del Catinaccio D’Antermoia per l’omonima ferrata e scendere dalla parte opposta arrivando al lago.

FOTO:

i rifugi Vajolet e Preuss

Il passo delle Scalette

il rifugio Antermoia

Il lago Anteermoia

Il Passo d’Antermoia

Il rifugio Passo Principe

Il Catinaccio d’Antermoia

Il rifugio Gardeccia

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *